31.03.16

Cucina e soggiorno: il living da corpo alla nostra casa

La vita contemporanea ha cambiato, nel corso degli anni, le nostre abitudini e il nostro ambiente di vita a partire dalla nostra casa. Soggiorno e cucina hanno esteso e mutato le loro funzioni trasformandosi da stanze di passaggio – funzionali alla preparazione dei pasti e all’intrattenimento degli ospiti – in punti nevralgici della vita domestica. Spesso, per parlare di soggiorno, si usa un termine inglese: living. Termine quanto mai calzante perchè la zona living è fatta e progettata per essere vissuta: porta le tracce delle nostre abitudini, dei nostri interessi, del  nostro gusto e di quelli dell’intera famiglia.

La cucina living

Che sia per motivi di spazio o semplicemente per una scelta estetica la cucina e il soggiorno sono diventati, in molte abitazioni, un ambiente unico. Tant’è vero che spesso si sente parlare di cucina living o di cucina abitabile intendendo, appunto, un ambiente  – di cui la cucina è il fulcro – in cui non solo si preparano e consumano i pasti, ma in cui si “abita” letteralmente, svolgendo in essa numerose altre attività, comprese quelle sociali, come il ricevimento degli ospiti.

Arredare il living

Arredare uno spazio multifunzionale come la zona living può rappresentare una “sfida” interessante: combinare nel modo giusto l’area dedicata alla cucina con quella del soggiorno significa in molti casi dare carattere a tutta la casa perchè si tratta dell’ambiente che la presenta, per così dire, che fa da vero e proprio “primo impatto” sia per gli abitanti che per gli ospiti. Armonizzare i due spazi è fondamentale, soprattutto se la scelta di unirli è dovuta al poco spazio disponibile e non si vuole correre il rischio di rendere gli ambienti troppo “claustrofobici”. Ma vediamo, con ordine alcuni suggerimenti pratici da cui partire:

a) Calcolare la metratura: prima di decidere per una soluzione living con cucina sarà bene valutare realisticamente lo spazio che abbiamo a disposizione – almeno 15 mq – perchè altrimenti corriamo il rischio di ritrovarci con un ambiente saturo di oggetti, ma impossibile da vivere.
b) Tenere conto di ogni nicchia e sporgenza le prime perchè possono essere sfruttate come spazi, le seconde perchè possono rappresentare degli “ostacoli” di cui tener conto.
c) Progettare avendo bene in mente la posizione degli attacchi di acqua e gas. 
d) Pensare l’ambiente in funzione delle aperture presenti: porte e finestre.

Parola d’ordine: armonia

Conciliare cucina e soggiorno, richiede principalmente una certa coerenza nella scelta dello stile che deve armonizzarli entrambi. Solo in questo modo il nostro living sarà davvero confortevole e, cosa da non sottovalutare mai, piacevole alla vista. Coordinare infissi e tende, ad esempio, così come alcune rifiniture o le mensole, crea dei punti di corrispondenza tra i due ambienti.

Dividere gli ambienti

Un primo scoglio da superare è proprio la suddivisione delle due aree, che deve poggiarsi su un sottile equilibrio, senza essere troppo netta. Sicuramente il punto di partenza è rappresentato dalla scelta della cucina: su una parete sola o al massimo su due ad angolo, la cucina con isole penisole  rappresenta un’ottima soluzione per dividere gli spazi senza appesantirli con tramezzi e muretti.

Il colore da vita

Le ultime tendenze del design hanno permesso al colore, anche al più vivace, di entrare in ogni ambiente della nostra casa dando un tocco di calore ma anche di brio. Nell’arredare il living la scelta dei colori è fondamentale: è proprio attraverso i richiami di colore tra i due ambienti che si può realizzare l’armonia di cui si parlava. Sia che si opti per due tonalità – magari un tono neutro bilanciato da uno più caldo – sia che si scelga un vivace multicolor, l’importante è che i colori non stridano e che siano presenti in entrambi gli ambienti, anche solo con qualche accessorio elemento d’arredo. Un suggerimento utile, quando l’ambiente è particolarmente piccolo, è quello di scegliere una cucina in legno chiaro che renda lo spazio otticamente più ampio, mentre se si vuole “osare” un colore vivace – come il rosso o il viola – lo si potrà bilanciare con il nero – per un effetto dark e sofisticato – , il grigio – di sicura eleganza – o alleggerire con il bianco.

I materiali

Che sia classico legno o un materiale più moderno – resina, polimerico, alluminio, laccato, cemento cerato, pannelli ecologici -il materiale gioca un ruolo importante nell’arredamento: usare elementi dello stesso materiale – ad esempio un tavolo da pranzo in resina così come i pannelli della cucina – è ancora più importante dell’armonia tra colori, perchè dona agli ambienti un senso di continuità.

La zona soggiorno

Teatro delle serate con gli amici, ma anche dei pomeriggi in famiglia, il soggiorno apre la cucina ad un’atmosfera più conviviale e può armonizzarsi con essa attraverso i materiali e i tessuti usati per i tendaggi, il sofà, il tavolo da pranzo, il tavolino, il bancone snack e così via.

La luce crea lo spazio

Messi da parti i vecchi e datati lampadari l’illuminotecnica contemporanea prevede una serie di soluzioni alternative per illuminare e contemporaneamente definire gli spazi del nostro ambiente: velette o ribassamenti in cartongesso con faretti puntati nei punti più importanti – una luce indipendente va dedicata esclusivamente alla cucina oltre ai punti luce nella cappa e nei sottopensile – e lampade dal design originale per le zone di conversazione, riescono a creare degli spazi immateriali.

I dettagli

I dettagli, si sa, sono il sale dell’arredamento. Con le loro forme, i colori e i materiali, possono rappresentare il leitmotiv dell’intera zona living. Vasi, mensole, lampade, fruttiere, bottiglie e bicchieri colorati, piatti, persino una batteria da cucina, possono diventare un elemento di decoro e parlare di noi, dare alla nostra casa quello che chiamiamo personalità. Se lo spazio è davvero ridotto potremmo essere costretti a ridurre il numero di elementi, per non sovraffollare lo spazio. In questo caso un’idea originale potrebbe essere puntare su elettrodomestici colorati e dalle linee moderne, veri e propri complementi d’arredo funzionali. Insomma il nostro unico limite è la fantasia!